Inchieste

Categorie: Scuola e formazione, Fatti

Profughi, in 120 al Baronio di viale Trento. Ma per la scuola privata di don Paolo non c'è il rumore mediatico e politico dell'hotel Adele. Reportage video all'interno dell'Istituto

Venerdi 9 Settembre 2016 alle 13:20
A Vicenza è scoppiato un pandemonio mediatico per gli oltre duecento profughi dell'Hotel Adele in via Medici. A pochi chilometri di distanza in viale Trento sempre in centro a Vicenza nelle strutture del Baronio, Istituto scolastico privato religioso presieduto dal noto Don Paolo, sono ospitati già dallo scorso anno un gran numero di rifugiati che secondo quanto ci ha riferito un operatore della cooperativa che li gestisce sono ora arrivati a quota 120. Passando lì davanti si notano sempre di più rifugiati africani entrare ed uscire dal cancello, lo stesso da dove entrano studenti e genitori, o nel fine settimana giocare partite di pallone nel vicino campo di calcio. Noi di VicenzaPiù, che crediamo nei valori dell'accoglienza ben gestita anche di chi, gli africani, il sindaco Achille Variati bolla come "diversi", non vogliamo di certo creare allarmismo tra i cittadini.

Continua a leggere
Categorie: Fatti

In bicicletta a Vicenza: una città "fuori servizio"

Sabato 27 Agosto 2016 alle 08:42
ArticleImage
Qual è il modo migliore di spostarsi a Vicenza per chi vive o lavora in centro città o per i turisti in visita alle bellezze del capoluogo berico? Mentre la bella stagione anche quest'anno volge al termine, ecco una piccola inchiesta sul mondo delle due ruote in una delle città più trafficate di auto e con i più alti tassi di inquinamento in Italia. Una Vicenza che nella sua "compattezza" rappresenterebbe un scenario ideale per gli spostamenti in bicicletta, a partire da quelli dei turisti, in una città dalle visite in crescita ma spesso "mordi e fuggi", per la vicinanza alle più rinomate Verona e Venezia.

Continua a leggere
Categorie: Ambiente, Fatti

Area ex Zambon, l'assessore Dalla Pozza: nessun rilievo sanitario dall'Ulss, sito è privo di amianto

Lunedi 18 Luglio 2016 alle 09:14

In merito alla nostra inchiesta sull'ex fabbrica Zambon che abbiamo titolato “Area Zambon, l'appello video di Claudia a non perdere altro tempo per il disinquinamento: dopo morti dubbie si pensi almeno al futuro” (in alto riproponiamo il video di VicenzaPiùTv) interviene l'assessore alla Progettazione ed alla Sostenibilità Urbana del Comune di Vicenza, Antonio Dalla Pozza, per rispondere alle preoccupazioni manifestate dai residenti della zona: “Il progetto di bonifica - spiega l'assessore - è stato approvato nel gennaio 2013 con successive integrazioni nel settembre 2014. La Società Zambon sta completando le procedure di affidamento dei lavori di bonifica, mentre la proposta di riqualificazione è stata presentata nell'ambito dell'accordo urbanistico ed è in fase di istruttoria presso il Settore Urbanistica”.

Continua a leggere

Chi sono i 13 "profughi" di Viale Milano? Un "pericolo sociale", per politici e stampa...ma siamo andati a vedere, e la realtà è ben diversa

Lunedi 3 Agosto 2015 alle 18:31
ArticleImage Il punto di non ritorno è la non-notizia o, peggio, la notizia che diventa strumentale. E così, il trasferimento temporaneo di 13 profughi del Mali, che non sono appena sbarcati da un gommone ma sono nel vicentino da un anno, in un appartamento di Viale Milano che chiamano signorile ma in cui le tubature sono arrugginite, diventa un "caso" politico.

Continua a leggere
Categorie: VicenzaPiù, VicenzaPiùTV

Mercatini dell'usato e crisi economica, come funzionano e come cambiano

Lunedi 13 Aprile 2015 alle 00:47
ArticleImage

di Sara Girombelli dal n. 275 di VicenzaPiù di Aprile (leggi tutto l'articolo nella versione digitale per gli abbonati online oppure chiedilo nelle edicole Fenagi)

Che ruolo svolgono i negozi di compravendita dell'usato in tempo di crisi? E come funzionano? È ciò che ci siamo chiesti intervistando due dei principali rivenditori della provincia

In tempi di crisi economica la gente tende a reinventarsi e a reinventare stili di vita e di… sopravvivenza. Potendo spendere meno si ricicla, cresce la consapevolezza di ciò che prima era lo spreco, si cerca di racimolare denaro in ogni modo possibile, anche liberandosi degli oggetti che non servono più (o non sono mai serviti).

Continua a leggere
<| |>





Commenti degli utenti

Domenica 20 Agosto alle 16:59 da kairos
In Soprintendenza boccia allestimento che "nasconde" Basilica, Bulgarini: c'è allergia ai progetti innovativi

Mercoledi 26 Luglio alle 21:43 da kairos
In Per il Torrione a Coppola Bulgarini è proprio fuori dal Comune: attributo o auspicio?
Gli altri siti del nostro network